dimenticando lo zucchero

Un mio vicino di casa vive di complotti, ne è assuefatto. È fatto così, Marco: trova sempre una spiegazione a tutto, per quanto improbabile o, nel più estremo dei casi, insensata. Ma ultimamente Marco è cambiato: la direzione del suo ragionamento si è come invertita. Prima, vedeva un problema, o quello che per lui era un problema, e come spiegazione elaborava l’ennesimo complotto; ora, invece, i complotti rappresentano per lui solo la premessa, sono scontati, autoevidenti, non meritano tempo, nemmeno il suo. La sua mente, adesso, è tutta sulla creazione del problema, sulla situazione che lo giustifica. Marco è diventato il proprio peggior nemico. Stamattina, è passato a trovarmi. Davanti a un caffè, ha detto che a un certo punto la sua tazzina si sarebbe svuotata, che anzi la tazzina, di fatto, era già vuota. Si è alzato senza nemmeno bere, ha fatto cadere la tazzina dal tavolo, ha detto che la lobby del caffè avrebbe sistemato tutto ed è andato via.

One comment

  1. zoon · 13 Days Ago

    mi cade la mascella…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...